Il lago di Peretola

Peretola il lago dei Fenicotteri all'interno dell'area metropolitana di Firenze

Il lago di Peretola è un lago della Piana Fiorentina situato nell'area dell'aereoporto di Firenze Peretola, tra il comune di Firenze e quello di Sesto Fiorentino. Il lago risulta ben visibile dal monte Morello (situato a nord del lago) e l'accesso è situtato nell'area del Polo Scientifico e Tecnologico di Sesto Fiorentino. L'ingresso al lago è libero anche se non è attrezzato e molte zone risultano interdette per via dell'adiancente areoporto di Peretola. Attorno al lago sono presenti alcuni vecchi capanni che erano in passato utilizzati per scopi venatori.

Il lago di Peretola è uno degli ultimi specchi d'acqua che costituivano un antico bacino lacustre situato nell'area pianeggiante tra Firenze, Prato e Pistoia. Il lago originario è praticamento scomparso anche se i suoi resti si ammirano negli specchi d'acqua degli Stagni di Focognano (Oasi WWF) a Campi Bisensio e nelle aree di Agliana, Quarrata, tra Prato e Poggio a Caiano, Signa e Lastra a Signa e tra Sesto Fiorentino e Firenze.

Come tanti laghi della Piana Fiorentina anche quello di Peretola è stato gestito per anni da un gruppo di cacciatori che l'hanno ceduto a Lega Ambiente dopo l'entrata in vigore del divieto di caccia imposto alla zona.

Sul lato nord-est sono presenti diversi capanni ma per le dimensioni del lago e per la distanza delle sponde non sono molto indicati per la fotografia naturalistica, la luce migliore è al mattino, nel pomeriggio tutti i capanni hanno la luce contro.

E' possibile osservare, in base alla stagione, tutte le specie di avifauna che sono state descritte nell'articolo sul Il Parco della Piana di Sesto Fiorentino, in particolare:  spatola, airone bianco maggiore, airone cenerino, airone guardabuoi, tarabusino, sgarza ciuffetto, falco di palude e fenicotteri. E' da segnalare una coppia stanziale di cavalieri d'italia che sverna nel lago di Peretola.

Sulla sponda opposta è presente un altro capanno, l'accesso non è immediato e bisgona costeggiare tutto il lago, la luce è ottima durante tutto il pomeriggio e il tramonto. Quest'ultimo capanno è quello che, negli ultimi due anni, permette di fotografare più da vicino i fenicotteri che sostano nel lago nelle settimane tra febbraio e marzo. Quest'anno a differenza di quello scorso si è registrata una presenza record dei fenicotteri, circa una ottantina. L'elevato numero di fenicotteri ha generato un enorme interesse intorno al lago di Peretola.

Grazie al passaparola sui social e gli articoli su quotidiani online e cartacei, il lago dell'aereoporto di Firenze è stato preso d'assalto, non solo da fotografi ma anche da famiglie e curiosi di ogni genere. E' stato molto bello vedere tanti bambini e la disponibilità con cui sono stati accolti dalla comunità di fotografi naturalisti abituali frequentatori del Il Parco della Piana di Sesto Fiorentino.

Speriamo solo che il lago di Peretola, uno degli ultimi specchi d'acqua dell'antico lago della piana Fiorentina, non scompaia per sempre per far posto alla nuova pista dell'aereoporto di Peretola.

2 thoughts on “Il lago di Peretola

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.